Laser capillari e varici

Trattamenti couperose viso e varicose gambe

laserterapia

Gli impulsi di energia luminosa del laser ad alta intensità penetrano nella pelle e determinano la distruzione del vaso.

Attualmente si producono i seguenti tipi di laser: Dye laser, laser 532ktp, laser nd yag, laser a diodi, e lo specialista determinerà la tipologia di apparecchio più idoneo per ogni singolo caso tenendo in considerazione:

  • l’ inestetismo da trattare;
  • la colorazione individuale della pelle (fototipo).

 

Il laser viene applicato per il trattamento delle a piccole teleangectasie di colore rosa degli arti inferiori; agli angiomi, all’eliminazione della couperose a livello del viso (teleangectasie del volto).

 

 

Vanno distinte due topografie con risultati diversi:

  • a livello del visto, con l’ausilio del laser, è possibile ottenere un ottimo risultato; qui, infatti, non esiste un’iperpressione venosa.
  • a livello dei arti inferiori, l’iperpressione venosa e il diametro delle varici diminuiscono l’efficacia; risultati validi si possono ottenere aumentando la potenza d’emissione del laser.

 

Di conseguenza:

  • sul tragitto del vaso fotocoagulato, si formano delle piccole crosticine, che cadono spontaneamente nell’ arco di circa tre settimane. In questo periodo, per il rischio pigmentale, è vietata l’esposizione al sole.
  • possono formarsi macchie di depigmentazione di piccole dimensioni, tuttavia destinate a rimanere definitive.

 

Presso lo studio del Dr Candido Jean Pierre di Torino, da 2 anni, è praticata una nuova metodologia (PLG): una combinazione di prodotti che, in sinergia col laser, garantiscono efficacia ad una potenza inferiore. Questa tecnica elimina l’impatto ”laser/pelle” con le sue complicanze pigmentarie.
Qui l’esposizione al sole non è controindicata, inoltre si ottimizzano il numero delle sedute previste.

laser angioma rubino
risultati laser capillari
Share by: